Tappa 05: Da Castagneto a Succiso Nuovo

11.2 465 200 1080 657 4h:30

Tappa tranquilla sia nei tempi che nei dislivelli, perfetta per recuperare le fatiche del giorno precedente su un percorso privo di difficoltà, evidente e ben segnato. Si attraversano piccoli borghi, prati e boschi cedui e si incontrano diversi facili guadi, con ampie visioni sull'alta Val d'Enza, oramai al cospetto delle imponenti cime dell’alto Appennino, tra cui quelle del gruppo Casarola- Alpe di Succiso.

Segnalazioni

  • Possibilità di acqua a Fornolo e Succiso Superiore.
  • Lieve difficoltà di orientamento subito dopo Succiso Superiore (nel costeggiare un coltivo)

Descrizione della Tappa

Lasciato il paese di Castagneto si percorre un tratto di strada asfaltata per circa 800 m e si va ad imboccare sulla sinistra il SD, subito in leggera salita. Si prosegue per lievi saliscendi, fino a superare, a monte, il borgo di Lugolo. Si prosegue per una bella carrareccia fino alla quota 821 mt. per poi scendere a dx e, superata una costruzione in pietra, giungere al complesso dell'ex Mulino Adani e quindi a Ponte Andrella  (mt 650). Dal ponte, con breve tratto su asfalto, subito dopo si riprende a sin. il SD. ed in salita si raggiunge la frazione di Fornolo (mt. 810). Si riprende poi in leggera salita per circa 2 km, sino ad arrivare ad una sorta di sella (mt 1000), nei pressi di un edificio rurale con rustiche poesie scritte sui muri. Fatta attenzione a diversi bivi, tenendo la dx e seguendo i segni del SD si arriva in discesa al caratteristico borgo di Succiso Superiore (mt. 970). Si prosegue poi per circa 1 ora, in un ambiente molto suggestivo tra prati, boschi e affioramenti rocciosi sino ad arrivare alla strada che scende dal Passo della Scalucchia; qui si prende a dx su asfalto fino a Succiso Nuovo (mt 1000) meta della nostra tappa, alle pendici dell'Alpe di Succiso.

Deviazione

Da Fornolo vale la pena, vista l’agevole tappa, fare una breve deviazione di 30 minuti e raggiungere la Pieve di San Vincenzo, con annesso campanile. Probabilmente edificata dalla Contessa Matilde intorno al 1090, la Pieve venne poi ricostruita in falso stile romanico, ma conserva ancora un frammento di capitello ed una fonte battesimale.

Informazioni Utili

  • Ponte Andrella: A un centinaio di metri a dx, sulla SP 15, si può raggiungere un punto ristoro con bar, ristorante e posti tenda.
  • Succiso Superiore: Qui la storia ci racconta di due tragici eventi nelle tre frazioni di Succiso (Inferiore, di Mezzo e Superiore): nel 1920 un terremoto e nel 1954 una frana. A seguito di quest’ultima calamità i paesi furono abbandonati e gli abitanti si trasferirono nel nuovo paese di Varviglia, ora Succiso Nuovo.
  • Succiso Nuova: possibilità di alloggio e ristorazione presso il rinomato Agriturismo “La Valle dei Cavalieri”.

Vi preghiamo di segnalare eventuali criticità o proposte di miglioramento dell'itinerario scrivendo a cairesentierodeiducati@gmail.com . Grazie per il vostro aiuto!

Condividi questa pagina